CODICE SCONTO* DI 20 € - 201703STIMMA

*Valido per i corsi di pasticceria di I° e II° Livello fino al raggiungimento dei posti disponibili.

Visita Benedetto XVI

Un pranzo speciale... con Papa Benedetto XVI

IL SANTO PADRE BENEDETTO XVI° A VERONA

In aprile 2006, nel corso di un ordinario pranzo che quotidianamente ha luogo nel “ristorante pedagogico” della nostra scuola alberghiera, casualmente si discute tra Direzione ed alcuni Docenti  del  prossimo 4° Convegno Ecclesiale Nazionale che dovrebbe tenersi in Verona  nel mese di ottobre.  Spontanea sorge la domanda: “….perché non potremmo partecipare a questa manifestazione con i nostri  Allievi?  … ma siamo in grado di gestire un simile evento che potrebbe avere anche la presenza del Papa? …..”
L’idea sembra irrealizzabile: …. siamo una piccola scuola  alberghiera …… non siamo ancora “riconosciuti” a Verona ….. è inutile  farsi illusioni.
Comunque una telefonata presso il Vescovado “esplora” la possibilità; segue una nostra lettera con la quale si formalizza la disponibilità della Scuola Alberghiera degli Stimmatini a collaborare per l’evento.

LA CONFERMA E GLI IMPEGNI CONSEGUENTI
Il 4 agosto il Vescovo di Verona, Padre Flavio Roberto Carraro, ci comunica con lettera che  ha accolto con gioia la nostra disponibilità e ci invita quindi a pensare e gestire nel modo migliore il pranzo che vedrà la presenza del Santo Padre Benedetto XVI e di altre autorità della chiesa; il pranzo si farà nella sua “casa”, il Vescovado.
Un’idea è diventata realtà ed ora ci obbliga ad essere all’altezza di questo evento.
A fine settembre si perfezionano alcune proposte di menù e di servizio; vengono quindi  discusse con il “sovrintendente” delegato dal Vescovo per la circostanza; vengono infine  presentate a Roma per la definitiva decisione. Il 12 ottobre abbiamo la conferma del tipo di menù, il servizio di sala richiesto, l’indicazione di massima delle personalità ecclesiastiche che parteciperanno al pranzo.
Altra novità: il Vescovado, a conoscenza che siamo anche una “scuola grafica”, ci invita a progettare e quindi realizzare la stampa dei menù e dei segnaposto per i Cardinali e Vescovi invitati al pranzo.
Ci viene rinnovato l’ordine alla massima riservatezza, pena l’esclusione immediata dall’evento.
Il 16 ottobre vengono comunicati a Roma, per il loro “accreditamento”,  i nominativi dei tre Docenti e dei sei Allievi che parteciperanno alla realizzazione del pranzo; un nostro esperto grafico (coadiuvato da altri colleghi) e la segreteria sono al lavoro per stampare e confezionare i menù che devono rispondere a precise regole dettate dal cerimoniale. Il lavoro grafico, e le “prove” del menù nel laboratorio cucina avvengono nel più assoluto riserbo.
Solo il mercoledì 18, pomeriggio, i tre docenti ed i 6 allievi sono autorizzati a fare un sopraluogo in Vescovado per prendere coscienza delle attrezzature e dei locali in cui l’indomani avrà luogo il pranzo.

GIOVEDI' 19 OTTOBRE 2006
Appuntamento di buon mattino presso la scuola; Docenti ed Allievi partono tutti e nove insieme sul pulmino con il “pass” individuale che consente l’accesso in Vescovado; alle 8,30 superati i controlli di rito, il nostro staff è operativo.
Fervono i lavori nel salone dedicato ai Vescovi di Verona, al primo piano,  dove avrà luogo il pranzo: si completa la mise en place per i 23 Cardinali e per il Santo Padre, si cura nei minimi particolari il servizio a tavola, sotto la severa  regìa di un maestro di sala, venuto appositamente dalla Svizzera. 
Nella zona riservata alla  cucina per ora c’è  più tranquillità.
La televisione, appositamente installata, informa che alle ore 9,45 il Santo Padre scende dall’aereo a Villafranca: la certezza della sua presenza al pranzo acuisce la tensione e la preoccupazione di tutti, Docenti ed Allievi.
Alle ore 11,30 il responsabile della sicurezza vaticana in Vescovado riunisce tutto il personale per impartire gli ultimi ordini e per la conseguente assunzione di responsabilità di ciascuno.
Si parla ancora tra Insegnanti  e Allievi commis di cucina e di sala per gli ultimi accordi, ma il tono di voce è sommesso, rispettoso del momento.
La televisione comunica che il Santo Padre ha lasciato la Fiera;  è giunto in Piazza Brà ….. arrivano in Vescovado i primi Cardinali …. ora il Papa è entrato con la sua auto nel cortile sottostante ….. si ferma per una personale preghiera nella cappella riservata con il Vescovo ….. una breve sosta per un aperitivo con tutti i suoi commensali ….entra nella sala destinata all’incontro conviviale e saluta il primo dei nostri allievi “schierati” all’ingresso che viene colto di sorpresa dalla Sua cordialità.
Il pranzo ha quindi inizio alle ore 13.
Il menù, leggero, vuole valorizzare alcuni sapori e prodotti tipici della nostra Verona, accompagnati dai migliori vini del nostro territorio. Un antipasto, due primi, un secondo ed un dessert: questo semplice ma ricercato menù viene preparato e servito dai nostri Insegnanti ed Allievi in 48 minuti (rispetto ai 53 programmati).
Alle 13,48 il pranzo è concluso.
Tutti sono invitati sulla vicina terrazza con vista sull’Adige: qui il Santo Padre fa i complimenti e ringrazia per il pranzo preparato “dalla Scuola Alberghiera degli Stimmatini”; quindi stringe la mano e saluta ogni Insegnante ed Allievo.
L’emozione e la sacralità della Sua persona sono così forti da rendere impossibile ogni parola.
Quindi  Benedetto XVI° si ritira in altre stanze del Vescovado per altri incontri privati.
Insegnanti ed Allievi si soffermano a salutare e chiacchierare con i Cardinali e con il Vescovo di Verona, increduli per tanta familiarità.
Alle ore 15,30 il Santo Padre lascia il Vescovado per dirigersi con la sua auto allo stadio dove ha luogo la Santa Messa.

Questa la cronaca di un evento indimenticabile per tutta la  nostra Scuola Alberghiera ed in particolare per gli Insegnanti ed Allievi direttamente protagonisti.

Il doveroso reportage fotografico che segue vuole “fermare” quei momenti e quelle emozioni: un pranzo preparato con la mente e servito con il cuore.

Log in

Utilizziamo i cookies per migliorare la tua navigazione. Proseguendo ne accetti l'utilizzo. Per saperne di più, clicca su "Approfondisci"

×